sCOOL Cup di Sciaffusa alla scuola Breitenau


76 squadre, accompagnate da genitori e maestri e assistiti dai collaboratori dell‘OLG Schaffhausen, hanno creato un magnifico ambiente sull’area scolastica della scuola Breitenau. Era di nuovo il momento dello sCOOL Cup!

pdf RClassifica
Foto

Anche alla nona edizione dello sCOOL Cup ci sono state condizioni ottimali. Di diverso questa volta c’era solo l’erba alta, che in questa occasione i ragazzi hanno potuto attraversare comunque. Tutti erano nuovamente entusiasti di questa manifestazione. 

Particolarmente forte è risultata la scuola Hallau/Oberhallau, che è arrivata a Sciaffusa con 42 ragazzi e 5 docenti.  Tre anni fa hanno partecipato per la prima volta con un gruppetto minuscolo. Ma da allora l’entusiasmo per questa manifestazione è cresciuta, racconta Susanne Bouvard, docente di educazione fisica, convinta del valore educativo della corsa d’orientamento. Gli allievi si sono preparati e l’anno prossimo ci dovrebbe essere una carta scolastica per la loro scuola. I docenti hanno seguito un corso con la locale società di C.O. e come dice Susanne Bouvard: “E’ molto lavoro, ma ne vale la pena. La C.O. è uno sport fantastico: resistenza, lettura della carta e avventura nella natura assieme. Anche i ragazzi, che di solito non si lasciano coinvolgere troppo nelle attività sportive, sono entusiasti.”

La maestra Monika Burgener ha scoperto che saper leggere una carta, serve pure in altre materie: “Per uscire dall’aula, ho nascosto dei testi di francese sul piazzale e i ragazzi li hanno dovuti trovare leggendo la carta e poi assemblare i vari pezzi.”.“ Sono molto contenta – racconta ancora Susanne Baumann- che tutta la scuola crede in questa attività ed è stato dimostrato con tutti i maestri che sono venuti.”  I ragazzi di Hallau hanno corso con successo, anche se non hanno potuto salire sullo scalino più alto del podio.

La International School of Schaffhausen (ISSH) partecipa invece già da diversi anni e la loro presenza significa sentir parlare anche inglese, spagnolo e altre lingue. Sarebbe bello se in futuro anche altre scuole scoprissero questo sport, così da avere più di 100 coppie alla partenza.

Lo sCOOL Cup di Sciaffusa è uno dei 21 a livello svizzero: alcuni cantoni più grandi riescono a mobilitare meno ragazzi del piccolo cantone Sciaffusa. Ursula Wolfensberger da Fehraltorf era presente come rappresentante della Federazione Svizzera d’Orientamento ed era molto contenta della buona organizzazione, che Doris Ochsner  svolge ogni anno con pochi collaboratori.

Alla partenza c’era la juniore Lisa Schubnell di Winterthur , una ragazza della squadra nazionale juniori.  Negli ultimi anni si è sempre qualificata  per i campionati europei giovanili e spera, quest’anno, di poter essere presente ai campionati mondiali juniori.  Come studentessa ha partecipato ad alcune edizioni dello sCOOL Cup e così ha potuto dare preziosi consigli ai ragazzi in gara.

Allo sprint finale si potevano riconoscere le coppie composte da orientisti: erano più veloci! Ma molti ragazzi non orientisti lo potrebbero presto diventare. Altri invece hanno avuto qualche difficoltà in più a riconoscere l’angolo della casa giusto perché hanno confuso il nord con il sud. Ma appena rimessisi sulla retta via, correvano per ricuperare il tempo perso!

Per molti la gara è finita troppo velocemente, ma in piscina hanno poi potuto continuare a sfogarsi, prima della premiazione.