Ambiente famigliare a Schattdorf


Circa 120 allievi si sono lanciati allo sCOOL Cup Uri a Schattdorf nonostante un tempo incerto fino all’ultimo.

Foto

pdf Classifica

pdf Classifica con tempi intermedi

Le nuvole erano basse e coprivano buona parte della vallata del canton Uri, le cime delle montagne che sovrastano Schattdorf erano grigie.  Si vedeva solamente la stazione a monte della funivia Haldi. Ma l’umore dei partecipanti era ottimo lo stesso, considerando pure che durante tutta la manifestazione non ha piovuto. I partecipanti sono partiti con grinta per il loro percorso, anche eprché in contemporanea si svolgeva la 3. Gara del 15.(!) Trofeo urano. Chi era ancora insicuro alla partenza, veniva rassicurato dalla nazionale Marion Aebi. La sua collega Mirjam Hellmüller ha percorso il tracciato più lunga, fissando un tempo da battere di tutto rispetto! Anche nella timbro-sprint sul campo sintetico del centro sportivo Grundmatte, tutti cercavano di abbassare il suo tempo! Hellmüller a Schattdorf  giocava un pochino in casa, visto che suo padre Jürg Hellmüller, responsabile del progetto sCOOL, da ragazzino viveva nella zona.  

Luisa Baumann prima di Mirjam Hellmüller deteneva il miglior tempo al timbro-sprint, ma è stata poi battuta per 7“ dalla nazionale juniore. Per un attimo la speranza dei quadri urani era delusa, ma poi si è consolata, perché Marion Aebi cimentandosi sul percorso si è trovata in una situazione come al GP di Monaco: rallentata dal troppo traffico. Poi Sven  Püntener ha fissato un limite (40”) che non è stato più avvicinato da nessuno. Alla premiazione Sven si è ritrovato sullo scalino più alto del podio, ma i complimenti più affettuosi erano per Jasmin Fischer, che proprio quel girono compiva 15 anni.